© 2013-2019 by Paolo Treni 

GOCCIA D'ABISSO

L’installazione rappresenta un’epitome dei temi e delle concezioni spaziali che ho proposto fino ad ora. Si supera la dicotomia fra le esplosioni di schegge colorate e il mondo dei fluidi, inquadrandoli come polarità, alle due facce di una stessa tessera.

Apparentemente ambigua, indefinita, questa struttura bifacciale, scomponibile e ricomponibile in vari modi, rappresenta in una goccia il tema del mistero legato alla figura ambivalente del Mare in Montale, che diviene per me metafora del Cosmo e della Sorte.

In questo lavoro, alla mia tipica indagine su riflessione e rifrazione della luce si aggiunge il ruolo dell'ombra proiettata da ciascun pannello. Questa entra in relazione con luci e colori nascondendo o facendo emergere nuove sfumature a seconda del punto di osservazione e del movimento dello spettatore nello spazio. 

Le forme spigolose (quasi cristallizzate) della struttura vista da fuori fanno da contraltare alla composizione fluida che si percepisce internamente. Lo spettatore sceglie se spingersi oltre l'esteriorità e varcare la soglia di questa "goccia d'abisso", finendo per trovarsi prima riflesso e poi immerso in una caleidoscopica volta subacquea.

Se la vita è l'arte dell'incontro, questa "scultura" interattiva rappresenta anche la mia visione della sorte nel mondo attuale. Il modello della medaglia a due facce si evolve in uno spazio tridimensionale sferico, evidenziando come nella contemporaneità la visione d'insieme sia frutto delle giuste interconnessioni fra elementi appartenenti ad un sistema.

La giustapposizione di ogni immagine alle altre simili ne rivela l'innata non finitezza, che si esprime dando vita ad un disegno dal significato più ampio, nuovo ed avvolgente. La chiave di lettura è consegnata all'individuo che sceglie su quale elemento concentrarsi. Ciò che resta del binomio positivo/negativo comunemente associato al destino, si gioca sul dualismo fra esterno ed interno della struttura. L'accesso alla parte interna dipende dalla volontà e dalla curiosità dello spettatore di andare oltre le apparenze, spingersi più in là, cercare qualcosa di più...